6 individui accusati dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti di aver riciclato milioni di dollari di denaro del cartello della droga messicano utilizzando criptovaluta

Sei persone sono state incriminate dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DoJ) per presunta partecipazione a un giro di riciclaggio di denaro utilizzando criptovaluta.

I presunti cattivi attori sono tutti cittadini cinesi che includono Jiayu Chen, 46 anni, Jianxing Chen, 40, Tao Liu, 45, Xizhi Li, 45, Jingyuan Li, 47 ed Eric Yong Woo, 43

Secondo documenti del tribunale non sigillati il ​​15 ottobre nella Corte distrettuale orientale degli Stati Uniti della Virginia, le sei persone facevano parte di un gruppo criminale che ha incanalato milioni di dollari appartenenti ai cartelli della droga messicani (incluso il famigerato cartello di Sinaloa) usando criptovaluta e casinò.

Secondo il Dipartimento di Giustizia, i sei sono stati colpiti con accuse relative a cospirazione per riciclare denaro illegale e cospirazione per distribuire cocaina. Uno degli individui, Tao Liu, è stato anche accusato di aver tentato di corrompere un agente delle forze dell’ordine sotto copertura in modo da creare passaporti falsi per diverse persone. Le accuse arrivano a seguito di un’indagine di quattro anni sul traffico di droga e sui programmi asiatici di riciclaggio di denaro sporco negli Stati Uniti e in tutto il mondo, ha detto il Dipartimento di Giustizia in un comunicato stampa .

Nel tentativo di rimanere in comunicazione e pianificare le loro attività illegali, i cospiratori hanno utilizzato piattaforme di social media crittografate come Immediate Edge e WeChat. Si ritiene che i sei criminali abbiano accumulato circa 30 milioni di dollari dallo schema di riciclaggio di denaro, afferma l’accusa.

Cinque dei sospetti sono già stati arrestati, mentre Jianxing Chen rimane latitante. L’agente speciale responsabile della divisione operazioni speciali della DEA (US Drug Enforcement Administration), Wendy Woolcock, ha dichiarato:

“Questi individui hanno fatto di tutto per nascondere le loro presunte attività criminali e ulteriori schemi che hanno permesso ai cartelli della droga di spingere i loro veleni sulle nostre comunità e riciclare i loro proventi illeciti. Nonostante questi sforzi, non sono riusciti a eludere il rilevamento da parte delle forze dell’ordine statunitensi. La DEA, insieme ai nostri partner, continuerà ad arrestare e consegnare alla giustizia criminali transnazionali come questi, che facilitano e traggono profitto dal vizioso traffico di droga globale „.

I sei sospettati rischiano una pena minima di 10 anni di carcere con possibilità di reclusione a vita.