I ricavi dell’estrazione mineraria Bitcoin raggiungono il livello annuale più alto dopo il ritorno ai livelli pre-minerariali

Le entrate dell’industria mineraria Bitcoin hanno superato i 20 milioni di dollari al giorno, il livello più alto di quest’anno.

Secondo recenti ricerche, le principali metriche a catena, come i ricavi minerari Bitcoin (BTC), sono tornati ai livelli precedenti all’attività di estrazione.

I dati del fornitore di analisi Glassnode suggeriscono che i ricavi dell’estrazione mineraria Bitcoin System sono ora tornati agli stessi livelli di quando le ricompense dei blocchi erano il doppio di quelle attuali.

Quando il dimezzamento è avvenuto a metà maggio, il prezzo della BTC era di circa 9.000 dollari. Il 18 novembre era raddoppiato a 18.000 dollari. Questo suggerisce una correlazione, dato che i minatori devono vendere abbastanza del bene da coprire le loro spese mentre le loro operazioni rimangono redditizie. Prezzi più alti significano maggiori profitti.

#I ricavi dei minatori di Bitcoin sono tornati ai livelli precedenti alla miniera.

Grafico: https://t.co/Ao9DodRwqi pic.twitter.com/PwUHPaKz8L
– glassnode (@glassnode) 18 novembre 2020

Blockchain.com, che tiene traccia del valore totale dei premi in blocco delle monete e delle commissioni di transazione pagate ai minatori, ha confermato i risultati.

La cifra delle entrate giornaliere, che include i premi in blocco e le spese di transazione, è stata di 21,2 milioni di dollari per il 18 novembre, il più alto da un anno a questa parte. Il picco precedente è stato del 6 maggio, quando ha raggiunto i 20,6 milioni di dollari. Dopo il dimezzamento, che ha fatto scendere i premi in blocco da 12,5 BTC a 6,25 BTC, i ricavi sono scesi a poco più di 7 milioni di dollari al giorno.

I ricavi delle miniere hanno subito un crollo il 18 marzo di quest’anno, in seguito al crollo del mercato dei cripto-climpi indotto dalla pandemia, che ha cancellato il 45% del prezzo del Bitcoin in meno di una settimana. Quando i ricavi minerari diminuiscono drasticamente, i minatori con un eccesso di leva possono iniziare a capitolare a causa delle condizioni di mercato sfavorevoli.

Al momento sembra accadere il contrario, quando i prezzi si avvicinano al loro massimo storico.

Un altro fattore che indica che la rete è in buona salute e che i minatori sono contenti è il tasso di hashish, che ora è solo del 10% lontano dal suo livello più alto.

Dopo la fine della stagione delle piogge in Cina, dove si svolge la maggior parte dell’estrazione mineraria Bitcoin, le piattaforme sono state spente in preparazione del trasferimento in quanto l’energia idroelettrica a basso costo si è prosciugata. Questo ha portato ad un crollo stagionale del tasso di hashish del 37% a meno di 98 esahashes al secondo.

Da allora, il tasso di hashish – che molti ritengono sia correlato al prezzo – ha recuperato a 143,4 EH/s, che non è lontano dal picco di metà ottobre di 157,6 EH/s, secondo Bitinfocharts.com.

Le cifre attuali dei ricavi minerari e il recupero del tasso di hash sono di buon auspicio per la continuazione del mercato dei tori, che potrebbe portare i prezzi Bitcoin a un nuovo massimo storico prima della fine dell’anno.